Parchi Disney a confronto

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:48

RIPORTO QUESTO ECCEZIONALE LAVORO POSTATO DA WENDY 86


I PARCHI DISNEY NEL MONDO A CONFRONTO

.........................................................................................................................................................................................................

PARTE PRIMA:

Tutto nacque per caso e, come diceva Demostene (Oratore greco. 384ac-322ac), “Spesso le grandi imprese nascono da piccole opportunità”.
Immaginiamoci la scena: estate, un pomeriggio caldo e soleggiato. Una bambina gioca con gli amici al parco e il padre, dalla panchina, la osserva tra uno sbadiglio e una sigaretta. Ad un certo punto alza lo sguardo e cosa vede? La stessa scena sulla maggior parte delle panchine: genitori stanchi e annoiati che guardano i figli divertirsi. L’uomo si domanda come può essere possibile ed ecco che, da una quotidiana e banale scena, sogna un posto dove adulti e bambini possano divertirsi assieme. Nascerà così un progetto che cambierà il mondo. Eh sì, l’uomo stanco e annoiato è proprio Walt Disney.

Prima di affrontare il tema Disneyland Paris, nello specifico, occorre soffermarsi almeno un istante sui suoi antenati e sui suoi nipoti futuri.
*Disneyland, California 1955, è la realizzazione del sogno di Walt. Il primo parco a tema realizzato al mondo fu questo complesso di circa 70 ettari di terreno.
*Walt Disney World, Florida 1971, fu ideato da Walt che nel 1965 aveva già acquistato un lotto di 11.000 ettari. Walt morì prima di vederlo realizzato.
*Tokyo Disneyland, Giappone 1983, viene realizzato su una superficie 200 ettari. Il secondo parco di Tokyo, il Tokyo disneyland sea, non è di proprietà della disney ed è il più costoso mai realizzato.
***Disneyland paris, Francia 1992, costruito su una superficie 2000 ettari, ha il Park più ampio.

Passiamo ora ad analizzare il parco Disneyland Paris tralasciando per un attimo tutto ciò che riguarda gli anni precedenti al 1992, ovvero prima della sua apertura.
Arrivati a destinazione vi troverete davanti: Disneyland park, Disney studios, Disney village e Area Resort. Diamo una breve occhiata alla struttura della zona più “amata” e magica del complesso: il Disneyland Park (che analizzeremo più avanti nel dettaglio narrandovi la sua storia, la sua costruzione e le sue particolarità).
*Main Street USA: Ispirata alla main street di Marceline, città natale di Walt, rispecchia la tipica cittadina americana di inizio Novecento (il tutto arricchito di fantasia e immaginazione).
*Frontierland: Il Far west diventa realtà! Cowboys, saloon, sceriffi, si trovano tutti a Frontierland. Ma questa è anche la terra dei vecchi fantasmi che abitato oggi le case maledette.
*Adventureland: Luogo ricco di fascino e mistero. La land più naturalistica del parco, e dei parchi disney in generale. Evidente a tutti l’attenzione e la cura nel realizzare quest’oasi verde.
*Fantasyland: La land più magica di tutti i parchi disney. Rivivi la magia dei cartoni che più ti hanno fatto sognare, esplora il mondo della fantasia, tutto è possibile a Fantasyland.
*Discoveryland: Terra di sogni e di idee, l’irrealizzabile diventa realizzabile. Un tuffo nel futuro e in tutte le più interessanti scoperte dei grandi visionari (come Jules Verne).


PARTE SECONDA:

Pensiamo al primo cancello del parco. Si aprono le porte e cammina, cammina, ci troviamo davanti alla statua “The Disney legend” poco prima dei “Fantasia gardens”, dove ammiriamo l’immagine di Mickey Mouse creata con i fiori oltre al fiumiciattolo (ritroveremo più avanti la stessa opera d’arte con la sagoma dello Stregato), che accoglie i visitatori nel suo regno.
Eccoci, proprio di fronte al Disneyland Hotel, a pochi passi da noi la Disneyland railroad e Main Street. Varchiamo i cancelli e apriamo gli occhi. Davanti a noi un mondo, tutte le certezze spariscono, il mondo che conosciamo è scomparso e ce ne appare un altro, diverso. Ci si guarda intorno come impauriti, ogni volta è la prima volta, tutto appare nuovo, particolare. Non si sa dove andare e per un attimo si resta con gli occhi rivolti al cielo forse cercando di volare. Inutile preparare prima un percorso e un itinerario. Varcando il cancello tutto si dimentica e da quel momento verrai guidato solo da te stesso e da ciò che ti dirà il cuore, nessun programma funziona a Disneyland. Avevi pensato ad un itinerario perfetto per evitare code nelle attrazioni e ai ristoranti? Tempo sprecato, tutto tempo sprecato… Sei tornato bambino e non sei in grado di programmare.
Davanti a te la lunga passeggiata di Main Street, sulla tua sinistra la City Hall e l’Emporio; sulla tua destra la Main Street Trasportation. Cammini verso dove ancora non sai, e la strada che ti circonda è ricca di case decorate in stile liberty. Se fai silenzio e presti attenzione potrai sentire delle vocine registrate provenire dalle finestre: chi si fa la doccia, chi parla al telefono...
Ai lati della strada di mattonelle rosse (che fungono da “strada di mattoni gialli” del Mago di Oz) si trovano due porticati, utili in caso di maltempo. Da una parte Discovery arcade, ispirata alle grandi scoperte, e dall’altra Liberty arcade, ovviamente dedicata alla Statua della Libertà (ricordiamoci che siamo in una cittadina americana di inizio Novecento!).
Dopo un cammino apparentemente eterno (in realtà sono solo pochi passi) ci troviamo a Central plaza. Da qui tutto ha nuovamente inizio. La domanda che ricorre più spesso è: dove si va?
A noi la scelta, o meglio, la scelta va all’istinto: davanti a noi, verso nord, l’ingresso a Fantasyland, simboleggiato da Sleeping beauty castle; a sud-ovest l’ingresso a Frontierland, simboleggiato da Fort Comstock; a nord-ovest l’ingresso ad Adventureland, simboleggiato da Le passage Enchanté d’Aladdin; a est l’ingresso a Discoveryland, simboleggiato da due sorgenti rocciose.
Il vero viaggio inizia qui…..
Entriamo nel castello ed ammiriamo le magiche vetrate e i giochi di luce che ci circondano. Proseguiamo e all’uscita ci troviamo immersi nella magia di Fantasyland. Alla nostra destra il ristorante Auberge de Cendrillon nella cui veranda ammiriamo la splendida carrozza, la statua di Cenerentola e la pianta di fagioli; a sinistra le due attrazioni-storyboard Blanche-Neige et les Sept Nains e Les voyages de Pinocchio, viaggi attraverso i momenti cruciali delle due favole a bordo di un carretto.
Davanti a noi, dopo la mitica Excalibur, l’attrazione più amata dai piccini Le Carrousel de Lancelot. Se proseguiamo oltre la giostra lo sguardo cade senza dubbio su Alice’s curious labyrinth; ai lati di esso la giostra volante di Dumbo the flying Elephant e l’indimenticabile e pazzo Mad hatter’s tea cup. Se guardiamo con attenzione oltre i Dumbo che volano nel cielo, noteremo sicuramente una lunga coda di persone: cosa fanno? Aspettano il loro turno per provare a violare tra i cieli di Londra con Peter pan’s flight. Oltrepassando le tazze del Cappellaio Matto siamo davanti ad un bivio: se continuiamo verso nord, ci rechiamo verso Casey Junior, un pazzo trenino, e Le pays des Contes de Fées, un magico tour a bordo di un battello nel regno delle favole; recandoci invece verso sud est, ci scontriamo contro il colorato e indimenticabile It’s a Small World che, dipinto con ben 150 colori diversi, ospita 281 statue animate chiamate audio-animatronics. A questo punto la nostra visita a Fantasyland è terminata e ci dirigiamo verso Central Plaza. Dal lato sinistro del castello, passiamo davanti al Théatre du Chateau, dove si può scattare una foto con le principesse o assistere a spettacoli.
A questo punto basta voltarsi e ci si trova di fronte a Discoveryland. Spiccano attrazioni come Orbitron, giostra in stile Dumbo, Videopolis, dove è possibile assistere ad alcuni spettacoli e riempirsi lo stomaco e Space Mountain, l’immancabile viaggio ai confini dello spazio. La land è la più compatta e tutto è visibile con un primo sguardo. Al lato destro di Space Mountain troviamo il viaggio del Capitano Nemo a 20 mila leghe sotto il livello del mare con Le mystères du Nautilus, affiancato dalla sfrenata corsa delle macchine futuristiche di Autopia. Dirigiamoci invece a sinistra e mettiamoci in coda alla Disneyland Railroad e scendiamo alla fermata di Frontierland.
Una volta scesi dal treno ci troviamo immersi nella terra dei Cowboys e dei tesori nascosti. Possiamo ora scegliere se assistere ad uno degli spettacoli al Chaparral theater (alla nostra destra), o se rilassarci e riempirci lo stomaco al Cowboy barbecue, in tipico stile country. Dopo questa breve pausa continuiamo il nostro cammino verso la coda interminabile dell’attrazione cardine di tutta la land, Big Thunder mountain, un roller-coaster accessibile anche ai più piccoli. Mentre aspettiamo di salire a bordo del vecchio treno, osserviamo sulla nostra sinistra il ristorante Fuente del Oro, in stile tipicamente messicano. Scossi per la grande avventura appena trascorsa non ci resta altro da fare che calmarci e farci coccolare dal caratteristico tour attorno al lago con Thunder Mesa Riverboat. Ed ora, l’ultima attrazione di Frontierland, la più ricca di effetti speciali, la più tenebrosa: Phantom Manor e chi ha detto che i fantasmi non esistono?
Il nostro tour è quasi finito, ci resta un’ultima land da visitare. Siete pronti per una vera avventura? Sì? E allora cosa aspettiamo, dirigiamoci al Central Plaza e oltrepassiamo il magico mondo di Aladdin che ci trasporterà nella terra dei più intrepidi: Adventureland.
Attraversiamo tutta la land fino a raggiungere il punto opposto all’entrata. Siamo ai confini con i binari del treno e ci troviamo immersi in uno scenario tipicamente esotico, ricco di alberi e vegetazione. Davanti ai nostri occhi un altro entusiasmante roller-coaster: Indiana Jones and the temple of Peril che, a differenza del precedente, è sconsigliato ai bambini eccessivamente piccoli e a coloro che soffrono di dolori al collo o alla schiena. A questo punto passiamo ad attrazioni meno adrenaliniche ma non meno esilaranti. Avventuriamoci nelle terre inesplorate con Le Cabane des Robinson, l’affascinante casa costruita tra i rami di un albero esotico, il fico del Banyan; per continuare con la temuta Captain’s Hook Pirate Ship, meglio conosciuta come Jolly Roger, e la paurosa Skull Rock. Come ultima attrazione ci resta l’immancabile Pirates of Caribbean, dove a bordo di una barca, affrontiamo il fuoco dei cannoni e assistiamo alle crudeli azioni dei pirati, tra scenari curati nel dettaglio e incredibili effetti speciali.
Abbiamo visitato e ci siamo divertiti in ognuna delle land del parco, ma non abbiamo ancora visto tutto! Rientriamo a Fantasyland dall’ingresso secondario, a sinistra uscendo da Pirates of Carribbean. Siamo proprio a fianco del Peter Pan’s flight e ci dirigiamo verso il castello. Non usciamo dalla porta principale, come abbiamo fatto all’entrata, ma costeggiamo il lato destro, dalla parte di Biancavene e Pinocchio. Ci troveremo così davanti una piccola grotta, proprio nelle mura del castello, recante la scritta: La Tanière du Dragon. Entrandoci rimarremo incantanti e spaventati da ciò che ci apparirà davanti.
Abbiamo iniziato e terminato il viaggio dal castello, ora non resta altro da fare che ripercorrere il viale di Main street, arrivando a Town Square, la piazza alle porte del parco, volgere un ultimo sguardo ai colori sfumati e lontani del castello e varcare i cancelli di Disneyland Park.

CONTINUA


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:22, modificato 5 volte
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:49

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86


PARTE TERZA:

A questo punto tutti, anche chi non conoscesse o non avesse mai visitato il parco, sanno di cosa stiamo parlando. Il piccolo tour sopra descritto ci sarà utile in questa fase e nella successiva. Andiamo infatti ad affrontare la vera storia di Disneyland Park, i suoi dietro-le-quinte, la sua costruzione e la sua evoluzione. Nella sezione seguente, invece, andremo più nello specifico; cercheremo di fare un confronto con gli altri parchi Disney, perché si sa, ogni parco ha le sue caratteristiche e le sue particolarità.

To all who come to this happy place, welcome.
Once upon a time... a master storyteller, Walt Disney, inspired by Europe's best loved tales,
used his own special gifts to share them with the world.
He envisioned a Magic Kingdom where these stories would come to life, and called it Disneyland.
Now his dream returns to the land that inspired it.
Euro Disneyland is dedicated to the young and the young at heart... with the hope that it will be a source of joy and inspiration for all the world.
(Michael Eisner, 1 Aprile 1992)




Breve storia e curiosità:
Il parco aprì come EuroDisney. Dopo un difficile periodo finanziario, nel 1994 cambiò nome in Disneyland Resort Paris, dividendosi a sua volta in Disneyland park e Walt Disney Studios. All’interno dello stesso complesso sono stati costruiti 6 alberghi più un campeggio.
*L’idea di un parco Disney nel vecchio continente vacillava già negli anni Settanta però i dubbi sulla diversità culturale e sul clima variabile ebbero la meglio. Gli europei volevano ed esigevano di trovare nel parco riflessi del proprio mondo; inoltre, in Europa, si riteneva che l’americanizzazione potesse essere una tremenda minaccia alle tradizioni nazionali.
*L'inaugurazione del Disneyland park risale al 12 aprile 1992, dopo un periodo di costruzione iniziato nel 1988.
*Ci si aspettavano circa cinquecentomila ospiti nel solo giorno dell'inaugurazione, mentre se ne presentò solo una piccola parte, e dopo i primi tre mesi il numero di visitatori calò ancora di più.
*Il castello inizialmente sarebbe dovuto rassomigliare al castello di Orlando ma poi si è preferito ispirarsi a modelli europei scegliendo quindi la Bella addormentata ispirandosi a Disneyland
*Per la costruzione del castello, gli imagineers Tom Morris e Frank Armitage presero principalmente come esempi il cartone della Bella addormentata e Mont Saint-Michel in Francia.
*Dare vita al parco parigino non fu alquanto facile per via del clima e del gelo invernale. A tal proposito è esplicativa la frase di Katie Olson (Show designer): “While we were finishing DP, there was a long period when it was so cold the paint would literally freeze on the brush before you could get it on the walls. We put up tents again the buildings and got some portable heaters so we could keep working in that bitter cold. We even roasted weenies on the heaters because they had big flames. Everyone else thought we Americans were crazy. But we didn’t quit until it was done”.
*Nel 1954 il designer Bruce Bushman realizzò per la Disneyland californiana il progetto per un’attrazione ispirata alla Silly Symphony The old mill. Tale progetto venne scartato e ripreso nel 1993 per il parco parigino.
*L’attazione “It’s a Small world” fu creata nel 1964 in California su progetto della celebre Mary Blair (creatrice di fondali per Cenerentola) e riprodotta nel 1992 in Francia. Vennero usati però colori più tenui e il percorso fu accorciato a 8 minuti (rispetto agli 11 americani).
*Il parco francese conta ben due storie a fumetti ad esso dedicate dal maestro italiano Romano Scarpa: Avventura a EuroDisney e I paperi di Paperopoli alla conquista del mitico ticket.
*Ogni attrazione, dalle più tranquille (il carosello) alle più spericolate (ottovolanti), viene progettata nella massima sicurezza. Per far ciò tutto viene sottoposto a calcoli matematici che forniscono informazioni utili alla realizzazione: velocità dei veicoli, tempo di frenata ecc. A tal proposito citiamo alcuni dati di Space Mountain: 50m di pista per il lancio mentre alla partenza si passa da 0 km/h a 80 km/h in circa 2 secondi.
*Per realizzare il progetto del parco, dopo aver descritto e disegnato le varie attrazioni e i vari paesaggi, viene riprodotto il tutto in modellini in scala così da avere un’idea delle proporzioni e di considerare ogni particolare nei minimi dettagli.
*Nel 2002, Disneyland Resort Paris introdusse il suo secondo parco a tema, Walt Disney Studios. Decimo parco a tema Disney nel mondo, il parco Walt Disney Studios aprì con l'obiettivo di trattenere i visitatori nel complesso per più giorni, ma il parco fu fin da subito criticato per non avere sufficienti attrazioni.
*L’attrazione Space Mountain si sarebbe dovuta chiamare Discovery Mountain, questo è verificabile dal fatto che le vetture presentino incise le lettere DM sul lato lungo del veicolo
*Phantom manor è costruita utilizzando ben 92 audio-animatronics e 50 diversi effetti speciali
*Per quanto riguarda la Phantom Manor è interessante la storiella della sposa fantasma. Mentre la futura abitazione degli sposi era in costruzione un fantasma decise di insidiarsi al suo interno. Quando vide la sposa se ne innamorò e ne uccise il marito (quello che vediamo morto sul soffitto). Il fantasma condannò la donna a vivere lì con lui e altri suoi amici fantasmi, per la precisione 996 (nella casa ce ne sono 999: il fantasma, la sposa, lo sposo e i 996 amici fantasmi).
*La colonna sonora delle attrazioni story-book era originariamente nella lingua ufficiale del cartone. Ad esempio: Pinocchio era in Italiano, Peter Pan in Inglese, Biancaneve in Tedesco.
*Come già accennato prima, Main Street non è solo musica; si possono sentire suoni curiosi: una persona che si lava i denti, un dentista che sta estraendo un dente, lo squillo di un telefono…
*Main Street Motors, appena all’ingresso del parco, ha tentato di vendere vere macchine
*Come risultato del cambio di nome, l'aggiunta di nuove attrazioni ed il riassetto dell'intero complesso per essere più vicino alle esigenze europee, nel 1995 Disneyland Resort Paris raggiunse finalmente il profitto. Ma ciò non durò a lungo, visto che successivamente il parco sembrò indirizzato verso il baratro della bancarotta.



video (nel file ce n'erano altri ma ne metto solo qualcuno):
estratti da programmi tv dell’autore CreativeAlan
http://www.youtube.com/watch?v=wfWEcVp3M_M - purtroppo questo video è impossibile da inserire in un forum, dovete quindi, per vederlo copiare e incollare in una nuova pagina.

http://www.youtube.com/watch?v=bwxQ10P9KB4 - purtroppo questo video è impossibile da inserire in un forum, dovete quindi, per vederlo copiare e incollare in una nuova pagina.

purtroppo non è un problema tuo, ma youtube che ha disattivato.
Marianna.


CONTINUA


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:25, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:50

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86


Confronto con gli altri parchi:
Verranno qui presi in considerazione i parchi aperti dal 1955 (l’inizio di un sogno) al 1992 (la creazione del sogno in Europa), escludendo quindi il parco di Hong Kong, per il semplice fatto che ci interessa vedere nello specifico quanto il parco parigino, in positivo e in negativo, si relazioni ai suoi fratelli più giovani.
Procederemo in questo modo: elencherò prima le particolarità dei 3 parchi internazionali, poi, in maniera più approfondita, andremo ad analizzare il nostro Disneyland park.


- Disneyland (California)
*Main Street: gli edifici, poco decorati, sono costruiti con il più piccolo rapporto proporzionale tra i piani per slanciare il castello. All’inizio quest’ultimo doveva appartenere a Biancaneve e sarebbe dovuto risultare alto 10 metri.
*Adventureland: Ispirata all’America latina, ricca di vegetazione del luogo. L’attrazione “Enchaned tiky room”, del 1963, è la prima ad avere gli audioanimatronics.
*Frontierland: comprende New Orleans Square, influenzata dalla cultura europea, e Critter Country, ispiratasi all’antico Sud di “Song of the South”.
*Fantasyland: Prima del 1983 era una land strutturalmente ispirata ai primi lungometraggi e “it’s a small world”, 1964, aveva un colore bianco-oro in stile art-decò. Importante distinzione è la presenza di Matterhorn, una riproduzione del Cervino strettamente voluta da Walt. Nel 1993 apre la ToonTown, dimora di tutti i cartoni.
*Tomorrowland: Le attrazioni e il paesaggio è freddo e monocromatico, esclusa la prima Monorail di colore rosso. Questo perché si riteneva che il futuro fosse un periodo freddo e in bianco e nero.


- Walt Disney World (Florida)
*Main Street: Edifici più alti e più decorate. Colossale la stazione della Railroad centrale. Central Plaza si presenta su un’isola circondata dall’acqua. Il castello supera in altezza il precedente (alto più del doppio) ed è ispirato a Cenerentola.
*Adventureland: Importante qua il “Jungle Cruise” dove l’effetto della giungla inattraversabile è riuscito perfettamente.
*Frontierland: E’ la Frontierland più West di tutte. Non esiste Critter Country. Al posto di New Orleans square c’è Liberty square, legata alla cultura liberty in generale.
*Fantasyland: Maggiore spazio ma minor numero di attrazioni. La principale particolarità è “It’s a small world” che viene realizzata in un bastione medievale.
*Tomorrowland: particolarità indistinta di questa land è sicuramente l’attrazione Alien Encounter, dove i turisti possono provare il brivido dell’incontro “ravvicinato del terzo tipo”.


- Tokyo Disneyland (Giappone)
*Main Street: Si chiama World Bazar ed è riparata dal clima giapponese grazie ad una struttura di vetro e ferro, è quindi l’unica a non essere a cielo aperto. Manca inoltre la stazione centrale (esiste solo un collegamento tra Frontierland ed Adventureland). Il castello è copia esatta di quello di WDW.
*Adventureland: il modello è diverso, ci si ispira al sud-est dell’Asia, con pagoda e capanne. Central Plaza non è tappa obbligatoria per chi vuole raggiungere questa land, esiste un passaggio diretto dal World Bazar.
*Frontierland: Si chiama Westernland in quanto il concetto di frontiera è ben diverso in Giappone.
*Fantasyland: Particolare la presenza in questa land di Hounted Mansion. Il perché è semplice, per i giapponesi le storie di terrore e paura fanno parte del genere favolistica.
*Tomorrowland: Anche questa land, come Adventureland, è raggiungibile dal World Bazar. Come in California, prevale il bianco e l’attrazione Space Mountain è copia di quella in Florida.


- Disneyland Paris (Francia)
*Main Street: Per assurdo siamo davanti alla MS più americana delle quattro. Per la prima volta l’ingresso al parco è un hotel e, sempre per la prima volta, il terreno della MS è ricoperto da mattonelle rosse…per un totale di 526.000. Nel negozio di fotografia, c’è un telefono. Se provate ad alzare la cornetta sentirete alcune conversazioni degli abitanti di MS. Infatti all’epoca era normale condividere le linee. Un’altra cosa interessante la troviamo nel ristorante Walts, c’è un ascensore copia esatta di quello del Club33 di Disneyland (California).
*Adventureland: La land è situata a nord-ovest invece che a sud-ovest. Come le due land americane trae spunto dalle zone tropicali, infatti vennero importati 15.000 bambù e 15.000 alberi esotici, il tutto realizzato però con un tocco di fantasia in più. Non esiste “Jungle Cruise” a causa del clima ballerino europeo, e non troviamo nemmeno “Enchanted tiky room”. L’attrazione “Pirates of Carribeans” presenta un percorso più lungo rispetto agli altri parchi, con un numero maggiore di audio-animatronics, ben 124 di cui 52 solo per gli animali. Alcuni critici ritengono che per alcune scene dei film dei Pirati siano state usate le scenografie di questo parco come modello.
*Frontierland: Questa è la terra di frontiera più grande realizzata finora. Non ci sono sdoppiamenti di land perché per gli europei il Far West è unico. Cambia anche l’aspetto e il nome della casa dei fantasmi; da “Haunted Mansion” a “Phantom Manor”, da casa liberty a casa coloniale. L’attrazione fulcro di questa land è il roller-coaster “Big Thunder Mountain”, con un percorso prolungato e un impatto scenico indiscutibile, teniamo conto che il roller-coaster di Parigi è il primo della storia disney a percorrere un tratto sotto il bacino del lago.
*Fantasyland: A prima vista ricorda la versione californiana anche se il territorio adibito alla land è sicuramente più ampio. Par la prima volta nei sotterranei del castello troviamo un vero drago addormentato, dico vero perché l’effetto è particolarmente riuscito. Ovviamente si nota la mancanza dell’attrazione dedicata a Mr. Toad in quanto questo tipo di personaggio non fu abbastanza amato in Europa. Nonostante tutto, gli viene dedicato un ristorante copia esatta della sua dimora. Un’altra lacuna incolmabile è la mancanza di Toontown. Altra novità della fantasyland francese è l’attrazione dedicata ad Alice, infatti per la prima volta possiamo addentrarci in un labirinto con siepi lunghe in tutto 2.522 metri.
*Tomorrowland: Cambia il nome della land, diventa Discoveryland. Questa land viene realizzata ispirandosi ai grandi inventori e sognatori di tutti i tempi, primo tra tutti è Jules Verne. Non più il bianco come colore dominante ma un insieme di colori sgargianti. Per la prima volta dal 1955 l’attrazione “Space Mountain” non è un oggetto di sfondo alla land ma ne rappresenta il fulcro, finalmente, infatti, si può camminare tutto intorno all’attrazione. Importante il ruolo dell’attrazione “Orbitron” da cui si dipartono tutte le vie per le attrazioni della land.


Bibliografia testo:
# www.wikipedia.com
# www.parksmania.com
# www.youtube.com (i singoli utenti sono citati a fianco del video)
# M. Ciotta, Prima stella a sinistra, Bompiani
# The imagineers and M. Eisner, Imagineering, Disney editions
# La piantina di Disneyland Park.
Bibliografia foto:
# The imagineers and M. Eisner, Imagineering, Disney editions
# www.flickr.com gli autori sono citati in basso a destra nelle singole foto
# www.wikipedia.com per le 5 foto dei castelli e di M.Eisner.
# I miei scatti all’interno del testo per quanto riguarda Disneyland Paris
Bibliografia video:
# www.youtube.com gli autori sono citati sotto i singoli video.


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:27, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:50

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86


altri link ....
Video:
http://www.youtube.com/v/XBMKn05KsM8
(Panoramagique. Video dell’utente arthurdvelden)
http://www.youtube.com/watch?v=wfWEcVp3M_M
http://www.youtube.com/watch?v=iV7t45iYNso
http://www.youtube.com/watch?v=bwxQ10P9KB4
(estratti da programmi tv dell’autore CreativeAlan)
http://www.youtube.com/watch?v=HuLbFm_H0UQ
(costruzione del castello dell’autore Oscarpalme)
http://www.youtube.com/watch?v=grGOvaQrlEQ
(Promo 1992. Si vede il castello di WDW, questo perché, come già spiegato prima, inizialmente sarebbe stato il modello seguito per il parco europeo)


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:28, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:51

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

guardate qua.......
.......questo uno dei tanti progetti per il nostro castello

l'idea e lo schizzo sono di Tim Delaney

....sorry.......era troppo grande e ho dovuto rimpicciolirla.........non è nel formato originale....è leggermente schiacciata ma rende l'idea


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:29, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:52

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

ecco......le 5 dediche d'apertura

Disneyland
"To all who come to this happy place – welcome. Disneyland is your land. Here age relives fond memories of the past and here youth may savor the challenge and promise of the future. Disneyland is dedicated to the ideals, dreams and the hard facts that have created America … with the hope that it will be a source of joy and inspiration to all the world."
- Walter E. Disney, July 17, 1955 -

Walt Disney World
"Walt Disney World is tribute to the philosophy and life of Walter Elias Disney ... and to the talents, the dedication, and the loyalty of the entire Disney organization that made Walt Disney's dream come true. May Walt Disney World bring Joy and Inspiration and New Knowledge to all who come to this happy place ... a Magic Kingdom where the young at heart of all ages can laugh and play and learn - together."
- Roy O. Disney, October 25, 1971 -

Tokyo Disneyland
"To all who come to this happy place, welcome. Here you will discover enchanted lands of Fantasy and Adventure, Yesterday and Tomorrow. May Tokyo Disneyland be an eternal source of joy, laughter, inspiration, and imagination to the peoples of the world. And may this magical kingdom be an enduring symbol of the spirit of cooperation and friendship between the great nations of Japan and the United States of America."
- E. Cardon Walker, 15 April 1983 -

Euro Disneyland
"To all who come to this happy place, welcome. Once upon a time ... a master storyteller, Walt Disney, inspired by Europe's best loved tales, used his own special gifts to share them with the world. He envisioned a Magic Kingdom where these stories would come to life, and called it Disneyland. Now his dream returns to the land that inspired it. Euro Disneyland is dedicated to the young and the young at heart ... with the hope that it will be a source of joy and inspiration for all the world."
- Michael Eisner, April 12, 1992 -

Hong Kong Disneyland
"To all who come to this happy place, welcome. Many years ago, Walt Disney introduced the world to enchanted realms of fantasy and adventure, yesterday and tomorrow, in a magical placed called Disneyland. Today that spirit of imagination and discovery comes to life in Hong Kong. Hong Kong Disneyland is dedicated to the young and the young at heart - with the hope that it will be a source of joy and inspiration, and an enduring symbol of the cooperation, friendship and understanding between the people of Hong Kong and the United States of America."
- Michael Eisner & Donald Tsang, September 12, 2005


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:29, modificato 2 volte
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:52

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

ecco un'altra curiosità........avete mai pensato come potesse essere il tragitto della parata negli altri parchi?
si si....cambia eccome.....guardate qua

Disneyland


WDW


Tokyo disneyland


Disneyland paris


Hong Kong disneyland


(fonte 5kindoms)


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:30, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:54

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

Una piccola curiosità.
ma quanto misurano i magic kindom?

Disneyland : 140 Acres (566,560 M2)
Tokyo Disneyland : 115 Acres (465,388 M2)
Magic Kingdom : 107 Acres (433,000 M2
Hong Kong Disneyland : 100 Acres (404,685 M2)
Disneyland Park : 85 Acres (344,000 M2)


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:30, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:55

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

ecco l'argomento del giorno......la disney railroad



Prima di analizzare le varie particolarità di questa attrazione, vediamo un po' da dove nasce........tutti sanno che Walt era matto per i treni....(lo sanno tutti vero????)
Il modellino per il parco di Disneyland è stato il primo ad essere costruito.....d'altra parte, si era facilitati nel lavoro, in quanto lo stesso Disney, ne fece costruire un modello ristretto negli studi di Burbank.

Allora come si chiamano questi treni????
-Disneyland Railroad
-Walt Disney World Railroad
-Western River Railroad
-Disneyland Railroad (prima Eurodisney railroad)
-Hong Kong Disneyland Raiload

Iniziamo col dire che è presente in tutti i 5 parchi fin dal giorno di apertura.....ma con caratteristiche diverse, sia nel percorso che, come mostrano le immagini, nel modello del treno. Mente Disneyland e Disneyland paris hanno lo stesso stile di treno (anche se nelle foto, prese da 5kindoms non è segnato), così come Orlando e Tokyo, Hong Kong mostra una forma leggermente diversa dalle altre.



Ma veniamo alle diversità di percorso....
Partiamo da quella qui nota a tutti, quella di Disneyland paris. Che giro fa il treno? beh, circonda il parco, ne delimita i contorni, funge sia da attrazione che da mezzo di trasporto. Cosa che non avviene in tutti i parchi. A tokyo le cose cambiano. La Western river railroad, come dice il nome, perimetra unicamente il percorso sul fiume di frontierland, qui westernland (e sarà il prossimo argomento di discussione). A tokyo infatti non è più un mezzo di trasporto per passare da land a land, ma funge solamente da attrazione, come si vede dalla seguente immagine (sempre 5kindoms).



Ad Hong Kong la particolarità sta nel fatto che il treno abbia solo due stazioni, una opposta all'altra, a mainstreet e a fantasyland.
A Disneyland la railroad ferma a Main Street, New Orleans Square, Mickey's ToonTown e a Tomorrowland.
In Florida ferma a Main Street, Frontierland e Mickey's Toon Town Fair.
In Francia a Main Street, Frontierland, Fantasyland and Discoveryland (aggiunta solo 7 mesi dopo l'apertura del parco).
Il Grand Canyon Diorama è presente solo in California e in Francia.
Nei due parchi americani il treno, durante il suo percorso, attraversa letteralmente l'attrazione Splash Mountain, mentre in Francia, si era pensato inizialmente di far attraversare l'attrazione Pirati dei Caraibi.

Veniamo infine ai nomi delle locomotive.....
Disneyland Railroad:
**C. K. Holliday
**E. P. Ripley
**Fred Gurley
**Ernest S. Marsh
**Ward Kimball.
I primi quattro sono presidenti della Railroad Santa Fe, mentre l'ultimo è il noto animatore disney.

Walt Disney World Railroad:
**Walter E. Disney
**Lilly Belle.
**Roger E. Broggie.
**Roy O. Disney.
Walt Disney's brother and associate.
Abbiamo qua i due fratelli Disney, la moglie di Walt e uno dei principali creditori che permise a Walt di costruire il treno.

Disneyland Paris :
**W.F. Cody
**C.K. Holliday
**George Washington
**Eureka
Qua abbiamo il vero nome di Buffalo Bill, i presidenti americani e una locomotiva interamente dedicata alla stazione di Discoveryland

Western River Railroad:
**Rio Grande
**Missouri
**Colorado
**Mississipi
Tutti nomi di fiumi

Hong Kong Disneyland Railroad:
**Walter E. Disney
**Roy O. Disney
**Frank G. Wells
I due fratelli Disney e un noto produttore disney degli anni Novanta



"A Disneyland la railroad ferma a Main Street, New Orleans Square, Mickey's ToonTown e a Tomorrowland.
......
In Francia a Main Street, Frontierland, Fantasyland and Discoveryland (aggiunta solo 7 mesi dopo l'apertura del parco)."

in california e a parigi è uguale, nel senso che la nostra frontierland è la loro neworleans square (posizione cardinale a parte) mentre la nostra fantasyland è esattamente la loro toontown, ad entrambi manca adventureland.


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:31, modificato 2 volte
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:56

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86



tema di oggi: LE TAZZE



Iniziamo con una precisazione....se ho scritto "le tazze" e non il nome intero dell'attrazione, c'è un motivo; infatti, pur essendo presente come attrazione in tutti e 5 i parchi, abbiamo già la prima differenza nel nome.
2 Mad Tea Party (Wdw e Disneyland)
1 Alice's Tea Party (Tokyo)
1 Mad Hatter's Tea Cups (Paris)
1 Mad Hatter Tea Cups (Hong Kong)

Tutti i parchi tranne Tokyo, ebbero quest'attrazione pronta per il giorno di apertura. A Tokyo le tazze, aprirono ufficialmente nel 1986.
A disneyland in california, troviamo l'attrazione a cielo aperto, mentre negli altri magic kindom, vuoi per i frequenti acquazzoni o per i posssibili tifoni, le troviamo al coperto.
Una cosa che tutti e 5 i parchi hanno in comune con quest'attrazione è la presenza di grandi lanterne colorate poste sul soffitto del gazebo che le protegge dalle interperie o, nel caso californiano, appese agli alberi che circondano l'attrazione.
Tutti i parchi, inoltre, contano 18 tazze, suddivise in 3 cerchi ruotanti da 6 tazze ciascuno.
la fonte è sempre la stessa, 5kindoms.....


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:32, modificato 2 volte
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:57

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

ora trattiamo invece la vista d'insieme di Main Street

La costruzione d'insieme della cinque Main Street è similare, con le varie differenze e uguaglianze, ma troviamo sempre la cittadina americana di inizio Novecento, con le sue caratteristiche e immersa nell'era della rivoluzione industriale.
Cambia invece l'unione tra essa e il castello, per così dire, l'impatto visivo.


A disneyland troviamo in fondo alla Main Street il castello dedicato al lungometraggio in produzione in quegli anni, "Sleeping Beauty".
Il, relativamente, piccolo castello color pastello è visibile attraverso le fitte file di alberi che lo circondano, a ricordare la scena finale del lungometraggio.
Certo, rispetto agli altri Magic Kindom, è sicuramente meno appariscente, però resta comunque magica, basti pensare che senza di essa non avremmo avuto tutte le altre.


Forse il migliore impatto visivo è rappresentato dalla Main Street di Orlando. Qui ci si è buttati a pieno nella costruzione del Kindom, quindi tutto è esagerato, il castello tende al cielo, quasi a toccarlo e spicca nella visione d'insieme della land.
Inoltre la costruzione della Main Street in modo leggermente più stretto della precedente, serve ancora di più ad aumentare l'impatto con il castello.


A tokyo le cose cambiano radicalmente. A causa del frequente maltempo, la mainstreet fu costruita come riparo dalle interperie e quindi coperta da un tetto di acciaio e vetro.
Nonostante il castello sia la riproduzione di quello di Walt Disney World, l'impatto estetico è completamente diverso. Qui non abbiamo più una visione "in grande" del Kindom ma per vedere a pieno il castello, dobbiamo uscire letteralmente dalla Main Street.


Siamo in Francia, la terra dei castelli e dei regni medievali. non si potè fare altrimenti che optare per un castello che richiamasse quelli vicini. Si scelse quindi una visione più particolareggiata e imponente del castello della Bella Addormentata.
Per quanto riguarda la Main Street, i mattoni rossi sulla pavimentazione aiutano sicuramente una maggiore visione d'insieme.
Come impatto estetico è sicuramente migliore dei parchi di Disneyland e Tokyo ma allo stesso tempo minore di quello Orlandiano. Tale impatto viene, secondo me e secondo l'autore del sito a cui mi ispiro (5kindoms), per i festeggiamenti del 15esimo compleanno del parco si è oscurata la visione del castello con gli eccessivi manifesti sui lampioni di Main Street.


Eccoci al quinto kindom, Hong Kong disneyland. Siamo davanti ad una Main Street molto simile a quella disneylandiana ma leggermente diversa. Gli alberi non coprono il castello, la pavimentazione rossa aiuta lo sguardo a raggiungere più rapidamente il castello della Bella Addormentata.


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:34, modificato 2 volte
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:58

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

parliamo, anzi contiamo, in breve i ristoranti presenti ai parchi....evito di postare foto di cibi......il tutto sempre preso da 5kindoms.....

Disneyland : 21 in totale
•Table Service & Buffet : 4
•Counter Service : 11
•Stands & Snacks : 6

Magic Kingdom : 28 in totale
•Table Service & Buffet : 5
•Counter Service : 9
•Stands & Snacks : 14

Tokyo Disneyland : 36 in totale
•Table Service & Buffet : 10
•Counter Service: 13
•Stands & Snacks : 13

Disneyland Paris : 30 in totale
•Table Service & Buffet : 6
•Counter Service : 12
•Stands & Snacks : 12

Hong Kong Disneyland : 12 in totale
•Table Service & Buffet : 2
•Counter Service : 6
•Stands & Snacks : 4

in particolare vediamo alcuni esempi di diversità.....

- A Parigi ad esempio troviamo l'unico esemplare di Refreshing Delivery aggiunto nel 2006



- abbiamo 2 plaza inn e 1 plaza garden. I primi a disneyland e ad hong kong, il secondo a parigi. Differenze in breve? i primi prendono il nome dalla catena di albergi "Holiday inn" dando quindi un senso di albergo (ristorazione+camere) al ristorante davanti al quale si trova una piazzetta dove la gente può riposarsi e attendere che si liberino i tavoli; nel secondo troviamo la parola garden, in quanto il ristorante parigino si ispira ai famosi giardini vittoriani d'europa, come Tivoli Gardens in Danimarca.

-3 tiki room: disneyland, wdw, tokyo.
La storia legata a questo ristorante-attrazione è assai complessa e lunga....magari più avanti ne parleremo meglio


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:36, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:58

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86
Ma quanto costa una giornata nei 5 magic kindom???

Disneyland Park : $66/56
Magic Kingdom Park : $71/60
Tokyo Disneyland Park : 5800Y/5000 ($54/45)
Le Parc Disneyland : 49€/41 ($76/64)
Hong Kong Disneyland Park : HK $350/250 ($45/32)

(i costi si riferiscono ad un solo ingresso giornaliero al magic kindom divisi in adulti/bambini. i prezzi risalgono a luglio 2008...)
la fonte è sempre quella: 5kindoms


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:38, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 02:59

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

Big Thunder mountain (visto che piace a tanti)



- California 1979
- Florida 1980
- Tokyo 1987
- Parigi 1992.

Il percorso è più o meno lo stesso per tutte le attrazioni ma a Parigi ci sono due particolarità, quali? vediamo chi indovina

La forma della montagna a Disneyland è leggermente diversa dalle altre. Essa si ispira alla montagna dello Utah, chiamata Hoodoos, mentre le altre si avvicinano alla celebre Monument Valley. Nonostante questa differenza di forma, tutte le "Big thunder mountain" presentano il picco triangolare che si innalza verso il cielo.


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:38, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da LauraNickylove il Mar 13 Gen 2009, 03:00

MESSAGGIO POSTATO DA WENDY86

rieccoci per un confronto a tema, ovviamente, natalizio...

GLI ALBERI DI NATALE (la fonte è sempre 5kindoms)











Notiamo che la principale differenza, come si vede dallo zoom delle foto, sta nelle decorazioni. Mentre per la Disneyland e per Hong Kong Disneyland troviamo le classiche decorazioni natalizie, per Disneyland Paris abbiamo fiocchi di neve e soldatini, per Tokyo Disneyland principalmente luci colorate e per il Magic Kindom abbiamo di tutto, dalle palline ai biscotti.


Ultima modifica di LauraNickylove il Mer 11 Feb 2009, 20:39, modificato 1 volta
avatar
LauraNickylove
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn
Admin Ad Honorem - Regina delle camperiste - Lucille Krunklehorn

Femminile Numero di messaggi : 12286
Età : 46
Località : varese provincia
Data d'iscrizione : 29.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Parchi Disney a confronto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum